Fragrante, delicata, irresistibile … è la sfogliatella di Lama dei Peligni … perché devi sapere che la Sfogliatella lamese ha una sua tradizione e le signore del borgo ogni anno si contendono il premio al concorso “La più buona fra le buone” assegnato da una giuria Slow Food!! Tra gli stand la roulotte del laboratorio artigianale “I segreti di Donna Anna” !! Che aspetti? Vieni anche tu a Lama dei Peligni in provincia di Chieti

LA TRADIZIONE

Siamo agli inizi del secolo scorso: a Lama dei Peligni, il paese dei camosci del Parco Nazionale della Majella, Donna Anna, moglie del barone Tabassi, riceve dalla suocera campana la ricetta della nota sfogliatella napoletana.
Donna Anna, con la passione per la cucina, grazie alla disponibilità di ingredienti locali, personalizza la ricetta e così la sfoglia con lo strutto diviene più morbida e friabile e la farcitura deliziosa perché preparata con un impasto di marmellata d’uva Montepulciano d’Abruzzo, marmellata di amarene, mosto cotto e noci. La forma piatta e a mezzaluna le dà un tocco di originalità che la distingue inevitabilmente da quella napoletana.

Questo dolce veniva offerto a palazzo nei ricevimenti di ospiti illustri come quello in onore della Principessa Letizia di Savoia Bonaparte o del grande artista e pittore Francesco Paolo Michetti.
Anche nella festa del giorno della Concezione, che si apriva alle otto di mattina nel cortile di Casa Tabassi con suoni di banda, ai musicanti venivano offerti caffè, pizzelle e le famose sfogliatelle e tutti si congratulavano con la baronessa per la bontà di questi dolci.

La ricetta non varcò mai le mura del palazzo. Solo intorno agli anni ’60 il vecchio cuoco della famiglia Tabassi rivelò i segreti ad alcune signore e di bocca in bocca la ricetta divenne patrimonio comune di tutti i lamesi.

Famiglia Tabassi, per saperne di più

 

LA FESTA
Tutto è pronto per la XVIII edizione della Festa della Sfogliatella, sono le 15.00 ( di domenica 30 aprile ) e c’è già un grande afflusso di gente.
Stand gastronomici e di prodotti locali fanno bella mostra nel centro storico e una compagnia di canti e balli popolari anima la piazza in attesa dell’evento clou del pomeriggio, la proclamazione della ” più buona tra le buone”!!

Entro nella sala allestita per l’evento pochi minuti prima che la commissione Slow food si riunisca per aggiudicare il premio del concorso 2017.
La dott Maria Di Florio, organizzatrice dell’evento e presidente dell’Associazione Circolo ” Il Sorriso ”  mi mostra i 16 pacchetti delle sfogliatelle in concorso quest’anno, tutte preparate da altrettante signore di Lama secondo criteri stabiliti e rigorosamente fedeli alla tradizione.

 

Quindi mi mostra il premio per la vincitrice: una splendida collana di grande pregio artistico, creato dalla Maestra d’arte orafa Annalisa Amorosi di Lama dei Peligni.

La collana, realizzata interamente a mano con argento 925, riproduce, tra una catenella e l’altra, piccole sfogliatelle e rappresenta il legame forte che l’artista ha con il suo territorio, tanto da saperne interpretare le istanze più significative. Dopo alcune ore di trepida attesa, che ogni anno si ripete in paese, il premio viene consegnato alla VINCITRICE 2017 signora Laura Salvi.

 

” I SEGRETI DI DONNA ANNA” oggi VIAGGIANO IN ROULOTTE

Durante il pomeriggio ho modo di accostarmi, tra gli stand presenti, alla roulotte de “I segreti di Donna Anna” il laboratorio artigianale su gomme delle donne di casa Rotunno, mamma Rita e le sue splendide figlie Laura e Mariangela.

Anni fa hanno messo su una piccola impresa femminile per la lavorazione della sfogliatella lamese.

 

Gli elementi fondanti del progetto imprenditoriale sono stati e sono tutt’ora: il marchio, la tradizione e la qualità eccellente del prodotto.

Soprattutto però le anima “l’amore per il prodotto e per il proprio territorio” Il prodotto rappresenta la cultura del posto e la tipicità della sua tradizione e per questo valorizza e dà visibilità al territorio.

 

Proprio per farlo conoscere ad un pubblico più ampio, circa tre anni fa Rita, Laura e Mariangela   hanno ideato una romantica roulotte rosa, un mini laboratorio gommato, che le porta  in giro per l’Italia con il loro carico di dolcezze.

I segreti di Donna Anna

 

E non sono mancati importanti riconoscimenti: La “Sfogliatella di Lama Dei Peligni” è  PRODOTTO TRADIZIONALE DELLA REGIONE ABRUZZO e in quanto tale è compreso nell’Atlante dei prodotti tipici della Regione.

 

 

IL TERRITORIO

Comune del Camoscio d’Abruzzo, Lama dei Peligni  si estende tra il corso del fiume Aventino e le falde del Massiccio della Majella.

La grande varietà di paesaggi lo rende meta ambita per gli amanti del turismo naturalistico.
Da non perdere:  il Museo Naturalistico Archeologico Maurizio Locati, dove approfondire la storia e la natura di questi territori;

il Giardino Botanico Michele Tenore dove scoprire magnifiche piante come il Fiordaliso della Majella, simbolo del centro floreale;

l’ Area Faunistica del Camoscio d’Abruzzo dove i più piccoli vengono coinvolti in divertenti attività scientifiche e didattiche;

e infine non ultima La grotta del Cavallone, la più alta in Europa e scenario de ” La figlia di Jorio ” di Gabriele D’Annunzio.

Monumenti di interesse Storico Architettonico: Chiesa di Santa Maria della Misericordia e Convento di Sant’Antonio da Padova , Chiesa del Santo Bambino, Eremo/grotta S. Angelo, Palazzo ducale Tabassi

 

 

 

Ringrazio tutti e in particolare la dott Pina Angelucci della Cooperativa Majella  per la disponibilità e le informazioni. Orlanda Sanvitale

 

 

 



posted by admin on Tags: , , , , , , , ,

There are no comments yet, add one below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *